Avete in mente il giorno più felice della vostra vita ?

Lo state aspettando o sapete riconoscerlo ?

Ho l’idea che si viva per quello, per attenderlo, cercarlo, crearlo. Condividerlo con chi si ama. E spesso questa frenetica ricerca si trasforma da speranza a frustrazione. Ogni giorno vorremmo che ci offrisse l’emozione che non abbiamo mai vissuto, che ci facesse volare via dove non siamo mai stati. Il momento dove i sogni possono diventare realtà o, semplicemente, dove il nostro percorso di vita non sia più lo stesso di prima.

Non so quanti anni avrò davanti, ma certamente il giorno più felice della mia vita è già passato. Questa sicurezza a volte mi annienta perché mi chiedo “quale felicità devo cercare ora, se il punto più alto l’ho già vissuto ?” Se sono arrivato in cima alla montagna ?

Eppure è un attimo e prende il sopravvento la soddisfazione di averlo vissuto di averlo incontrato. Immagino quante persone vagano per anni senza incrociare il piacere che piega la propria anima e da un senso alla nostra esistenza.

Ho avuto la fortuna di trovare questo tesoro e lo serbo con me ogni giorno. E ogni giorno che passa questa gioia cresce sempre di più, come fosse ieri. Mi alimenta e mi rafforza. E’ incredibile. Sono trascorsi tanti anni, ma quel giorno ritorna, è con me, dentro, quotidianamente. Mi aiuta, mi fa andare avanti, mi sospinge, non per attendere altro, ma farmi capire quanto è stato importante viverlo.

Ora si vive non per attendere, ma per portare avanti quanto è stato vissuto.

To be continued …